Impianti trattamentoACQUE REFLUE

Home / Trattamento fanghi

Trattamento fanghi

Filtropresse, filtri rotativi sottovuoto e sacchi drenanti per la filtrazione e la disidratazione di fanghi derivanti da processi di depurazione o da processi produttivi industriali mediante la separazione solido-liquido.

Il trattamento fanghi industriali consiste in impianti per la disidratazione del fango dall’acqua in esso contenuta. Tali impianti possono essere utilizzati sia per la disidratazione dei fanghi che per la filtrazione di soluzioni o bagni di processo, contenenti fanghi in sospensione o sedimentabili (come ad es. fanghi di fosfatazione, o fanghi da soluzione di lubrifica). Le tipologie di trattamento sono scelte in base al volume prodotto di fanghi, alla portata richiesta di filtrazione, alle caratteristiche fisico-chimiche del fango.

Le tipologie sono: Filtropresse, Filtro rotativo sottovuoto, sistemi gravitazionali su sacchi drenanti.

Le applicazioni in industria proposte da SAITA sono a corredo di impianti di trattamento chimico-fisico o applicati direttamente per la filtrazione in continuo di vasche di processo contaminate da fanghi. Tali sistemi possono essere totalmente automatizzati o manuali a seconda della tipologia di processo a monte e dalle specifiche esigenze dei clienti.

> PER INFO

Sacchi drenanti // Trattamento Fanghi

Per disidratare i fanghi provenienti da impianti di tipo chimico-fisico di piccola e media potenzialità vengono proposti sistemi di disidratazione gravitazionale su sacchi drenanti. Mediante tale sistema economico e semplice da usare è possibile raggiungere il 5 – 10% di Sostanza Secca dopo qualche ora, e il 30 – 50% di Sostanza Secca dopo lo stoccaggio all’aperto per lungo tempo.

Il sistema si compone di una struttura in acciaio inox al cui interno vengono alloggiati due o più sacchi drenanti in tessuto non tessuto con grado di filtrazione di 100 micron.

La struttura porta sacchi ha una vasca di contenimento del liquido drenato sottostante ai sacchi, un vassoio superiore in cui viene distribuita la miscela di acqua e fango sui sacchi installati. Regolatori di livello sul vassoio superiore e sulla vasca di raccolta inferiore avvisano l’operatore in caso di spandimenti. Tale sistema può essere applicato a anche a BIG-BAGS.

Filtri rotativi sottovuoto // Trattamento Fanghi

I filtri rotativi sottovuoto (detti anche a tamburo) permettono filtrazioni a ciclo continuo dei fanghi industriali. L’impianto si compone di un circuito di creazione del vuoto, un tamburo rotante parzialmente immerso nella miscela da filtrare completo di lama raschia-fanghi che elimina i depositi di fango ad ogni giro del tamburo, un preparatore della soluzione di pre-coat (con farina fossile) che consiste nel media filtrante e di una pompa di estrazione del liquido filtrato.

Sono impianti semplici da utilizzare a ciclo continuo, che non hanno problemi di intasamento e richiedono circa 30 minuti per la preparazione e l’avviamento del ciclo. Mediante il quadro elettrico di comando si possono regolare tutte le funzioni ed i tempi di lavoro, incluso l’avanzamento della lama raschiante. La superficie filtrante varia da 1,5 a 6 mq.

La loro applicazione viene consigliata per la filtrazione di fanghi di burattatura ad umido, filtrazioni di fanghi contenenti olii, filtrazione in continuo di soluzioni di processo (ad es. skinpass, lubrifica, fosfatazione, ecc…). Il fango ottenuto da tali impianti ha tipicamente un tenore di residuo secco ≥ 30-20 %.

Filtropresse // trattamento fanghi

La Filtro Pressa è un impianto, utilizzato maggiormente per impianti chimico-fisico o biologici, che separa i contenuti solidi dall’acqua allo scopo di recuperare la stessa acqua e ridurre il volume di rifiuti da smaltire. La Filtropressa produce pannelli di fango facilmente smaltibili. La filtrazione è assicurata da un pacco di piastre in polipropilene accoppiate a delle tele filtranti. Le camere createsi tra le piastre sono riempite di fango. La tela e l’alta pressione disidratano il fango trattenendolo tra le piastre e filtrando l’acqua contenuta. L’acqua pulita viene scarica in continuo mentre i pannelli di fango asciutto vengono raccolti in uno specifico contenitore. Le filtropresse industriali lavorano con una pressione d’esercizio fino a 12 bar ed un tenore di residuo secco nel fango disidratato ≥ 40%. Le filtropresse industriali possono essere apertura e chiusura del pacco filtrante manuale o completamente automatiche con apertura e chiusura automatica e scuotimento delle piastre.

Vantaggi:

  • Riduzione del volume di fanghi da smaltire
  • Riduzione dei costi di smaltimento
  • Filtrazione bagni di processo
  • Riduzione tenore d’acqua da fanghi industriali
  • Filtrazione a ciclo continuo o a batch

I NOSTRI PRODOTTI

Soluzioni impiantistiche personalizzate